Schemi mimetici della Luftwaffe

di Alessandro Orseniga
4.637 visite
Una guida illustrata agli schemi mimetici della Luftwaffe dal 1935 al 1945

Schema mimetico RLM 02/71/65

Schema RLM 02 71 65v2

Nel tentativo di ottenere schemi di maggiore efficacia nuove configurazioni vennero tentate poco dopo l’introduzione della mimetizzazione in RLM 70/71/65. Ad esempio, a partire dai primi mesi del 1940, iniziarono ad uscire dalle catene di montaggio alcuni Messerschmitt Bf 109 verniciati non più con l’abbinamento 70 e 71, bensì in RLM 02 e 71. Tuttavia le superfici inferiori rimasero invariate: sempre in RLM 65.

Bisogna far notare però, come questa mimetica non si riduca solamente ad una semplice modifica della precedente, con la sostituzione dell’RLM 70 con lo 02. Infatti, anche lo schema di applicazione risulta diverso rispetto a quello adottato nel 1938. L’immagine sottostante mostra bene questo aspetto.

Me Bf 109 E

Questo Messerschmitt Me Bf 109 E, contrassegnato dalla freccia del Geschwaderkommodore, presenta un ottimo esempio di mimetica in RLM 02/70/65. Si noti come non sia presente alcuna riverniciatura successiva, come si deduce dalle fiancate della fusoliera ancora in un sempice RLM 65.

Uno schema poco documentato…

A discapito delle numerose attestazioni, questa specifica mimetizzazione risulta tuttavia essere una delle più controverse. Infatti, attualmente, le uniche fonti a testimonianza della sua esistenza sono esclusivamente fotografiche. Non esistono infatti direttive conosciute che ne descrivano l’uso e l’applicazione. Proprio per questa ragione si è a lungo dibattuto sull’effettiva introduzione di un simile schema mimetico.

Un’ipotesi è che questa colorazione sia stata introdotta dai reparti operativi stessi e poi successivamente convertita in una verniciatura standard, applicata in fabbrica. Se così fosse, è dunque probabile che effettivamente esista un documento che prescriva tutto ciò; semplicemente non è ancora stato ritrovato.

Me bf 109 con schema mimetico RLM 02 71 65

Bianco 13: un Messerschmitt Bf 109 E-3 della 7./JG26, Francia, 1940. Sulle ali e sul dorso della fusoliera di questo caccia si , distinguono facilmente due colori: un verde scuro e un grigio-beige. Rispettivamente RLM 71 e 02. Come si nota lo schema di applicazione risulta diverso da quello riscontrato nel Bf 109 della foto precedente. Qualora ve lo steste chiedendo, il timone non è verniciato di una variante più scura di RLM 65: si tratta solo di un effetto dovuto all’ombra generata dall’angolo fra timone e fusoliera.

…Ma non impossibile!

Ovviamente le sole fotografie non sono abbastanza per confermare con sicurezza l’esistenza dello schema RLM 02/71/65. Allo stesso modo però, non si può nemmeno escludere del tutto il suo impiego per almeno due motivi.

Innanzitutto, non si possono chiudere gli occhi davanti a numerose fotografie di Me Bf 109 che, sebbene in bianco e nero, mostrano un contrasto troppo netto dei colori mimetici perché si possa pensare che si tratti di RLM 70 e 71. Indubbiamente una delle due sfumature deve essere di colorazione diversa e più chiara.

In secondo luogo, si può affermare con un buon realismo che questa sfumatura più chiara sia proprio l’RLM 02. Questo infatti è l’unico colore, allora in uso, che soddisfi i requisiti di essere abbastanza chiaro da generare un netto contrasto con l’RLM 71 e di essere destinato al camuffamento delle superfici superiori. Come potrete leggere in seguito non è questo l’unico caso in cui l’RLM 02 sia stato impiegato per scopi mimetici, oltre all’impiego della seconda metà degli anni ’30 già descritto in precedenza.

Alcuni esempi dello schema RLM 02/71/65

Una fila di Messerschmitt Bf 109 E-1 della 4./JG51. Questa foto risale ai primi mesi del 1940 e i velivoli catturati dallo scatto presentano le più disparate riverniciature delle superfici superiori, presumibilmente applicate direttamente presso la base dello stormo, come indicato anche dall’irregolarità dell’applicazione. I motivi maculati sono applicati in RLM 02 direttamente sullo schema RLM 70/71 (ancora visibile sul primo velivolo a sinistra).

Me Bf 109 E4 with RLM 02/71/65 scheme

Codificato “Giallo 5” (W.Nr. 5153) e soprannominato “Erika”, questo Messerschmitt Bf 109 E-4 viene ispezionato da soldati britannici, dopo essere stato abbattuto il 29 Settembre 1940. Originariamente questo aereo apparteneva alla 9/.JG3 e come si nota dallo schema netto e geometrico visibile sulle ali e sui piani di coda si può presumere che questo non sia stato applicato presso la base operativa, ma direttamente in fabbrica. Notare il grande contrasto fra l’RLM 02 e il 71 particolarmente apprezzabile sull’ala sinistra.

Questo stupendo scatto a colori, presumibilmente risalente al febbraio del 1941, mostra un Bf 109 D-1 di un'unità sconosciuta.

Questo stupendo scatto a colori, presumibilmente risalente al febbraio del 1941, mostra un Bf 109 D-1 di un’unità sconosciuta. Sulle ali si nota senza alcun dubbio l’abbinamento fra RLM 71, più scuro e l’RLM 02.

10 commenti

Lina 23 Agosto 2021 - 19:19

Sempre interessantissimo! E dettagliato!!

Rispondi
Alessandro Orseniga 23 Agosto 2021 - 19:27

Grazie mille cara Lina, mi fa piacere che l’articolo ti sia piaciuto!

Rispondi
giorgio 31 Dicembre 2021 - 14:17

gran lavoro, grazie!

Rispondi
Alessandro Orseniga 31 Dicembre 2021 - 18:46

Grazie a lei!

Rispondi
Edoardo 12 Maggio 2022 - 19:35

Ciao anche io sono un modesto modellista e sono molto interessato al tuo articolo. Vorrei chiederti se di hai una copia cartacea o in pdf dell’articolo per poterlo leggere senza cecarmi davanti allo schermo del computer.

Rispondi
Alessandro Orseniga 12 Maggio 2022 - 22:38

Caro Edoardo,
Mi fa piacere che tu sia interessato all’articolo. Purtroppo non ho un file in PDF, poichè gli articoli sono realizzati e pubblicati direttamente online. Ti consiglio eventualmente di salvare la pagina web e di stamparla se sei più comodo a leggere su carta.

Saluti

Alessandro Orseniga

Rispondi
Emanuele 16 Luglio 2022 - 20:41

Ciao Alessandro,
mi permetto di disturbarti per un dubbio. Sto progettando la colorazione di un Mistel S1, in particolare del prototipo “Beethoven” che combinava uno Ju 88A-4 e un Bf 109F-4 (CI+MX). Sul primo credo di andare a botta sicura con lo schema mimetico geometrico “classico”: 70, 71 e 65 in pancia. Sul secondo invece ho qualche dubbio, ma sarei orientato su 02, 74, 75 e 76, con uno schema camo geometrico sulla striscia alta della fusoliera con 74 e 75, il 76 sulla “pancia” e il classico dot sfumato con 02 e 75 a unire le due parti sui lati della fusoliera. Oltre che su questa seconda colorazione e rispettivo schema, il dubbio riguarda anche ogiva ed eliche e qui brancolo nel buio. Da alcune immagini che ho preso come reference (tratte da “Luftwaffe Mistel composite bomber units” di Forsyth – Osprey), il colore risulta molto più scuro di quelli utilizzati per la colorazione di ali e fusoliera; non mi azzardo a dire che sembra nero… ma sembra nero. Hai qualche dato a riguardo? Ti ringrazio anticipatamente.

Rispondi
Alessandro Orseniga 19 Luglio 2022 - 00:12

Caro Emanuele,
Non mi disturbi affatto, anzi, mi fa piacere ricevere dei commenti educati e ben scritti come il tuo. Ti chiedo inoltre scusa per il tempo impiegato nel risponderti.
Per quanto riguarda le colorazioni del Mistel S1 di cui parli, direi che hai ipotizzato più che bene! Osservando le fotografie dell’apparecchio in questione sono d’accordo con te sull’ipotesi di uno schema in RLM 70/71/65 per lo Junkers Ju 88. Per il Messerschmitt Bf 109 F-4, come hai giustamente notato, anche io opterei per uno schema RLM 74/75/76 (in particolare l’RLM 76 v.1 (1941), ovvero la sfumatura più azzurra). Riguardo al “motivo” a chiazze sfumate sulla fusoliera, questo dovrebbe comprendere anche l’RLM 74 oltre al 75 e allo 02 secondo lo schema standard. Questo fatto si può anche notare dalla presenza di almeno tre tonalità di chiazze differenti che si nota osservando le fotografie del velivolo.
Passando alle eliche: le pale di entrambi gli aerei erano verniciate in RLM 70, come è testimoniato dai L.Dv.521/1 del 1939 e del 1941. Per le ogive, invece, è necessario fare un discorso differente. Come hai notato dalle fotografie, entrambi i velivoli presentano tonalità piuttosto scure, quasi nere. Purtroppo però conosciamo con relativa esattezza il colore dell’ogiva del solo Bf 109: in base al documento di fabbrica 8-109.116 infatti, l’ogiva sarebbe dovuta essere verniciata in RLM 70.
Bisogna tenere presente che l’ogiva dei caccia monomotore è forse uno degli elementi maggiormente soggetti a “personalizzazioni” attribuite ai reparti operativi, tuttavia (fortunatamente per noi) in questo caso non appare nessun segno di tali alterazioni.
A questo punto, confrontando la tonalità dell’ogiva del Bf 109F-4 con quella dei rispettivi componenti dello Ju 88A-4, possiamo notare come nel secondo caso questa appaia leggermente più scura. Questo. almeno dal mio punto di vista, mi porterebbe a dire che nel caso del Bf 109 il colore dell’ogiva è l’RLM 70, nel caso dello Ju 88 è l’RLM 22, cioè nero.
Inserisco qui sotto un’immagine per evidenziare meglio questo particolare.
Spero di poterti essere stato d’aiuto! Se volessi farmi sapere il tuo parere, o se avessi altri dubbi, scrivi pure liberamente.
Grazie ancora per aver scritto.

Cordiali saluti,

Alessandro Orseniga
Colorazione delle ogive delle eliche del Mistel S1

Rispondi
Emanuele 19 Luglio 2022 - 19:29

Grazie mille a te per la risposta super dettagliata! Tutto estremamente chiaro. Altro dettaglio che ho dimenticato nel commento precedente: abitacolo 66 e parti interne 02, ti sembra corretto?

Rispondi
Alessandro Orseniga 22 Luglio 2022 - 11:01

Caro Emanuele,
Di niente, mi fa solo piacere! Comunque per abitacolo e parti interne è corretto ciò che dici: RLM 66 e 02 rispettivamente.

Cordiali Saluti

Alessandro Orseniga

Rispondi

Lascia un commento

Potrebbe anche piacerti

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi